Boccaccio in digitale: un esperimento per (r)innovare l'approccio a un Classico

Proseguiamo il racconto dell'anno scolastico all'IC Perugia 12 con l'interessante attività di Italiano svolta dalla prof.ssa Stefania Mancini in una classe seconda della media. Si tratta di un lavoro ispirato alla metodologia attiva del WebQuest, ossia della ricerca in Rete su materiali vagliati dal docente finalizzata alla produzione di un compito finale (a chi vuole approfondire consigliamo la lettura di questo contributo su Design Didattico). Il "contenitore" per i materiali su cui hanno lavorato gli alunni è la webapp gratuita Tes Teach, che permette di creare e condividere "lessons" costituite da raccolte di oggetti digitali di vario tipo (pagine web, immagini, video, testi etc.) salvate "in cloud" e quindi facilmente raggiungibili da chiunque abbia una connessione a Internet (anche dal cellulare!).

La homepage di Tes Teach. Leggi di più su http://scuolanellarete.com/lavori-di-gruppo-con-blendspace-by-tes/

Cosa ci ha raccontato la prof. Mancini...

Nel corso di quest’anno scolastico, pur essendo da sempre un’irriducibile tradizionalista, ho deciso di provare un approccio didattico diverso rispetto a quelli usati in precedenza. L’idea mi è venuta dopo aver visto il lavoro di Storia realizzato dai miei alunni della 2^D (clicca per accedere alla bacheca di riepilogo su Padlet, n.d.r.), che sin dal primo anno della scuola secondaria avevano manifestato l’esigenza di “fare”, di essere protagonisti del processo di insegnamento/apprendimento, e non soltanto spettatori.
Ho deciso quindi - in primis per venire incontro alle loro esigenze, ma anche per mettermi alla prova - di sperimentare un nuovo tipo di attività, supportata della prof.ssa Marta Sabatta, animatrice digitale del nostro Istituto e mia collega di Storia e Geografia nella suddetta classe.
Preliminarmente, ho scelto la letteratura come oggetto dell’esperimento, ed in particolare l’autore che ho ritenuto più accattivante per i ragazzi, sia per i temi trattati che per il cambiamento che egli rappresenta nella storia della letteratura italiana. L’autore in questione è Giovanni Boccaccio, del quale ho selezionato e raccolto moltissimo materiale (testi, video, scene di film, immagini, etc.) da sottoporre agli alunni. Ho cercato di presentarlo alla classe sotto molteplici aspetti: dalla biografia al contesto storico/culturale nel quale operò, fino al suo capolavoro “Il Decamerone”, che è stato affrontato sia in generale che in particolare, attraverso l’analisi di alcune tra le novelle più famose dell’opera. Tutto il materiale selezionato è stato poi inserito in delle “mattonelle- contenitore” fruibili dai ragazzi attraverso la rete (clicca sul link e poi su "Play" per accedere al materiale, n.d.r.).
Successivamente, ho diviso la classe in cinque gruppi ed ho assegnato a ciascuno un tema da trattare, sul quale avrebbero dovuto poi produrre in formato digitale un elaborato da presentare e relazionare ai compagni.
L’attività proposta è stata accolta molto bene da buona parte della classe, già abituata a lavorare in questo modo. Gli elaborati prodotti, nel complesso, sono stati apprezzabili per la presenza di spunti originali. Anche per me il bilancio del lavoro svolto è stato positivo, ma naturalmente, essendo la prima volta, l’attività proposta è perfettibile e potrà essere certamente migliorata. Ciò nonostante, l’iniziativa ha costituito un ottimo viatico per il lavoro futuro, nonché un’importante occasione di confronto con i ragazzi e di risposta alle istanze da loro rappresentate.

Clicca sull'immagine per accedere alla bacheca Padlet con la raccolta dei lavori




Commenti

Post popolari in questo blog

Racconti di coding #1

Dalla parte dei lettori: la Biblioteca Scolastica dell'Istituto Comprensivo Perugia 12, innovazione e ricordo

Racconti di Coding #2. A lezione da Alessandro Bogliolo!