Post

Visualizzazione dei post da 2018

Imparare facendo: costruiamo la storia personale

Immagine
È noto che, nello studio delle discipline, un aspetto fondamentale è sapere che le conoscenze sono sono date, ma vengono costruite attraverso il metodo peculiare di ciascuna. Sappiamo anche che, nella realizzazione di un apprendimento significativo, l'esperienza diretta, la "manipolazione" degli oggetti di studio e il coinvolgimento emotivo costituiscono una strategia efficace: facendo, si impara meglio. Questi principi hanno ispirato il lavoro che raccontiamo oggi, quello svolto dall'insegnante Claudia Giorgetti con i suoi alunni di IIB, della scuola primaria "Mazzini". Col metodo peculiare della Storia, l'esame delle fonti, i bambini hanno ricostruito una vicenda ad alto contenuto emotivo. Quale storia, loro che sono così piccoli? La propria, naturalmente!
Ecco cosa ci ha raccontato la maestra Claudia.
Nella classe 2b della scuola Primaria Mazzini di Ponte san Giovanni, è stato fatto un progetto sulla storia personale dei bambini; oltre ad essere un am…

Alla ricerca della Bellezza: un percorso tra orto... arte e fiaba

Immagine
Le classi II A e II C della Scuola Primaria “G. Tei” di Balanzano e “G. Mazzini” di Ponte San Giovanni si sono rese protagoniste di un percorso che ha permesso loro di conoscersi e condividere esperienze significative. La cura dell’orto, l’amore per la natura, l’arte e la ricerca della bellezza in tutte le sue forme hanno permesso ai bambini di scoprire le proprie emozioni e la creatività che c’è in ognuno. Oggi raccontiamo questo progetto, pensato e realizzato dalle maestre Bonarina Cabras (II A "Tei") e Stefania Barbanera (II C "Mazzini"). Indicazioni metodologiche: apprendimento cooperativo e... poesia!


Questo è stato un anno intenso, ricco di belle emozioni. Siamo partiti con un piccolo coro, l’ansia di chi deve affrontare una sfida, la voglia di dare il meglio di sé! L’entusiasmo dei bambini, la loro voglia di scoprire, apprendere, sperimentare, creare, l’effettiva collaborazione dei genitori e il coinvolgimento del territorio hanno permesso al progetto di svil…

"LibriAmo la scuola": dalla Primaria "La Fonte" il racconto di una giornata ...a tutta lettura!

Immagine
Eccoci a parlare di nuovo di libri, piccoli lettori e Biblioteca Scolastica. In questi mesi il progetto di riqualificazione della Biblioteca legato all'azione#24 del PNSD ha mosso i primi passi e nella nostra scuola si è costituito un gruppo di lavoro che si dedica alla sua realizzazione. Siamo in tredici, docenti e non, rappresentanti di tutti i plessi di primaria e della secondaria. Una delle prime attività a cui ci siamo dedicati è stata la ricognizione del materiale posseduto e degli spazi da dedicare ai Bibliopoint nelle scuole. È così che i colleghi della Primaria "La Fonte" si sono accorti che il fondo che pensavano di avere in realtà era stato trasferito altrove. Era necessario riorganizzare da zero la Biblioteca... come fare? Ce lo racconta la collega Maria Grazia Alcaro in questo bell'articolo: buona lettura!

Clicca sull'immagine per visualizzare il PDF.

Boccaccio in digitale: un esperimento per (r)innovare l'approccio a un Classico

Immagine
Proseguiamo il racconto dell'anno scolastico all'IC Perugia 12 con l'interessante attività di Italiano svolta dalla prof.ssa Stefania Mancini in una classe seconda della media. Si tratta di un lavoro ispirato alla metodologia attiva del WebQuest, ossia della ricerca in Rete su materiali vagliati dal docente finalizzata alla produzione di un compito finale (a chi vuole approfondire consigliamo la lettura di questo contributo su Design Didattico). Il "contenitore" per i materiali su cui hanno lavorato gli alunni è la webapp gratuita Tes Teach, che permette di creare e condividere "lessons" costituite da raccolte di oggetti digitali di vario tipo (pagine web, immagini, video, testi etc.) salvate "in cloud" e quindi facilmente raggiungibili da chiunque abbia una connessione a Internet (anche dal cellulare!).


Cosa ci ha raccontato la prof. Mancini...

Nel corso di quest’anno scolastico, pur essendo da sempre un’irriducibile tradizionalista, ho deciso …

Il gioco da tavolo lo facciamo noi: un Cluedo ...di classe!

Immagine
Giugno è arrivato e sul blog tiriamo le somme "didattiche" dell'anno che volge al termine. Cominciamo oggi una carrellata di contributi che ci arrivano dagli insegnanti del nostro Comprensivo che hanno voluto condividere le attività, grandi e piccole, svolte nelle classi. Il denominatore comune è la volontà di innovare la didattica, rinunciando alla lezione frontale - comoda per tutti, ma non sempre efficace - in favore di metodologie attive, che stimolino gli alunni e li rendano "autori" del proprio apprendimento.

La prima esperienza che documentiamo è quella della prof.ssa Alessia Fiorucci e dei suoi alunni di seconda media, che - per capire come funziona il racconto giallo - da giocatori si sono trasformati in ...creatori di giochi.

Classe seconda. Il Giallo: da sempre genere accattivante che mette alla prova l’intuito e la logica del lettore …e mentre stiamo analizzando le caratteristiche del genere, ci viene in mente il vecchio (ma mai tramontato) “Cluedo”,…

Coro "Voci dal Mondo": la Maestra Enrica Picciafuoco racconta

Immagine
Dopo qualche settimana di assenza torniamo e ripartiamo da dove ci eravamo lasciati, cioè dal racconto di uno dei progetti "fiori all'occhiello" del nostro Istituto, il coro "Voci dal Mondo". Siamo lieti di poter dare la parola a colei che meglio di chiunque può parlarne: la Maestra e mentore e dei nostri giovani cantori, prof.ssa Enrica Picciafuoco. La Prof. con il calore che tipicamente le appartiene ci ha raccontato quanto segue...

Il coro dell'I.C. Perugia 12  di P.S.Giovanni è nato l'anno scorso nell'ambito dell'ampliamento dell'offerta formativa previsto dal PTOF della scuola, nell'intento di stimolare la creatività e l'espressività di ciascuno attraverso il più universale dei linguaggi che è la musica.
Il progetto è consistito nello strutturare un gruppo corale eterogeneo,  aperto a tutte le classi della scuola media in senso verticale e da quest'anno anche alle classi quinte della primaria, al quale tutti gli alunni hanno p…

Il coro "Voci dal Mondo" all'Euroschool Festival

Immagine
L'innovazione didattica non passa solo per il digitale, innovazione didattica all'IC Perugia 12 è tutto ciò che ci permette di "fare scuola" in modo non convenzionale, stimolando "altre intelligenze" rispetto a quella logico-verbale.

Il coro d'Istituto "Voci dal Mondo", nato lo scorso anno da un'iniziativa della prof. Enrica Picciafoco, è una di queste realtà.

I nostri giovani cantori non sono nuovi alle esibizioni in pubblico, ma in questi giorni, 17 e 18 aprile, hanno avuto l'occasione di esibirsi su un palcoscenico d'eccezione: quello dell'Euroschool Festival, un grande evento internazionale dedicato alle arti coreutiche e allo sport che quest'anno ha scelto l'Umbria come location.

E che location! Martedì le nostre "magliette azzurre" hanno cantato durante il concerto inaugurale nello scenario magnifico della Basilica Superiore di Assisi, unica scuola umbra ammessa. Mercoledì sera poi si è replicato a San …

INVALSI CBT per la Scuola Media: tutto pronto all'IC Perugia 12

Immagine
Sono cominciate l'altro ieri 4 aprile, con la ripresa delle lezioni dopo la pausa pasquale, le prove INVALSI di terza media e, stavolta, tra le attenzioni dei media attirati dalle diverse novità introdotte in questo anno scolastico 2017/2018. La più rilevante dal punto di vista della digitalizzazione è senz'altro il fatto che, per la prima volta, si tratterà di prove CBT (acronimo per Computer Based Test) ovvero di test al Computer.

Dall'INVALSI Roberto Ricci, Responsabile dell'Area Prove nazionali, definendo quella offerta dalle prove "un'occasione da non perdere" per il miglioramento della scuola italiana, sottolinea la novità rappresentata dal test al computer (leggi la nota integralmente sulla home di INVALSI), ma in realtà l'uso del digitale per le prove ufficiali non è nuovo al MIUR: già a fine 2012 la preselezione del concorso per i docenti si era svolta in modalità CB e da allora è stata la prassi per questo tipo di eventi che, tuttavia, sono…

Racconti di Coding #2. A lezione da Alessandro Bogliolo!

Immagine
Il 16 Gennaio 2018 alunni e insegnanti della nostra scuola hanno avuto la possibilità di fare coding con il maggior esperto italiano in materia: il prof. Alessandro Bogliolo. L'occasione è stato l'evento mattutino organizzato in esclusiva per i nostri bambini da una nota casa editrice italiana presso la sede di Piscille dell'IPSIA Cavour Marconi Pascal, in concomitanza con un corso di Formazione rivolto ai docenti. Non ci siamo fatti sfuggire l'occasione e abbiamo partecipato in forze, con una classe quarta della Primaria "Tei", tutte le classi quinte dei nostri plessi e le prime della secondaria di I grado: l'aula magna dell'IPSIA risuonava delle voci di quasi 200 giovanissimi studenti! 
Abbiamo chiesto a Francesca Faloci e a Valentina Ottolenghi, le due docenti che nella nostra scuola si dedicano proficuamente al coding (come abbiamo già raccontato in questo post), di raccontarci la giornata e le loro impressioni...

Racconti di coding #1

Immagine
Il PNSD, come è noto, prevede l'introduzione del pensiero logico-computazionale nelle scuole, fin dalla primaria (azione #17). Lo strumento che noi della Volumnio, come tantissimi altri, abbiamo scelto per "praticare un'esperienza" in quest'ambito è stato, fin dallo scorso anno, il coding. Coding è la parola inglese per "programmazione": fare coding è "programmare" nel senso informatico del termine, ossia dare istruzioni ad una macchina per far sì che essa esegua un compito per noi. Per farlo, però, occorre una lingua che la macchina sia in grado di capire e il coding, pur non essendo un linguaggio di programmazione in senso proprio, è una pratica che, abituandoci a pensare nel modo in cui "pensano" i computer, ci mette in grado di dialogare col essi.
Il MIUR, insieme al CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica), porta avanti dal 2014 il progetto "Programma il futuro" per l'introduzione del pe…

Atelier VolumnioLab, è iniziato l'allestimento

Immagine
Oggi vi portiamo buone notizie dall'Atelier Creativo VolumnioLab*: l'allestimento è cominciato e a breve partiranno le prime attività!
La nostra scuola, classificatasi 26esima nella graduatoria regionale dei progetti vincitori del finanziamento per il bando MIUR relativo all'azione #7 del PNSD (a questo link i dettagli dell'avviso: http://www.istruzione.it/scuola_digitale/prog-atelier.shtml), ha ricevuto nei mesi scorsi la prima fetta del finanziamento di 15000 € totali destinato alle scuole meritevoli. La macchina burocratica per gli acquisti si è messa in moto e giovedì 8 febbraio sono state consegnate le prime attrezzature: festeggiamo l'arrivo di due macchine da cucire elettroniche e di un plotter da taglio!
La nostra fantastica e gentilissima fornitrice Sara (potete conoscerla su Facebook: https://it-it.facebook.com/sarapatc/) ha spiegato ad alcune prof. e maestre (e ad alcuni alunni che si sono fermati incuriositi) il funzionamento delle macchine e le loro p…

Safer Internet Day ...Unplugged! #SID2018volumnio

Immagine
Come avevamo anticipato nel post dedicato al SID2018, per celebrare l'evento e la Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, alla Volumnio qualcosa "bolliva in pentola". Eccoci dunque a raccontare dal punto di vista di una delle nostre prof. l'evento/attività/gioco Metti un "Mi piace" alla gentilezza, che si è svolto sabato 10 febbraio 2018 alla secondaria di 1º grado. L'idea era semplice: combattere la violenza e la prevaricazione dei bulli con un gesto di gentilezza e riconciliazione e, siccome c'era pur sempre un SID da celebrare, farlo in un modo che in qualche maniera richiamasse il web e i socialnetwork. Ecco dunque un bel pacco di bigliettini col noto pollicione-like di Facebook da mandare alla persona con cui ci fosse bisogno di chiarirsi, di fare pace o anche solo di dichiarare la propria amicizia: i ragazzi li hanno scritti e i prof-postini li hanno smistati e recapitati con l'aiuto dei collaboratori scolastici. E per s…

#SID2018 #unnodoblu

Immagine
Un hastag (anzi due) per titolo: così vogliamo richiamare l'attenzione sul Safer Internet Day 2018 e sulla Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo a scuola - Un nodo blu, due eventi concomitanti che si celebrano domani 6 Febbraio. Il fil rouge è la volontà di combattere la violenza e la prevaricazione, di qualunque natura esse siano, con un occhio particolare ai contesti virtuali, troppo spesso più a-sociali che "social". 

Il Safer Internet Day (SID) è un evento annuale internazionale, organizzato con il supporto della Commissione Europea, per promuovere un uso più sicuro e responsabile del web e delle nuove tecnologie, in particolare tra i bambini e i giovani.  "Create, Connect and Share Respect. A better internet starts with you"(Crea, connetti e condividi il rispetto: un’internet migliore comincia con te)  è lo slogan scelto per l’edizione del 2018. Il fine è duplice: promuovere un uso consapevole della Rete, ma anche far riflettere i ragazzi…

Dalla parte dei lettori: la Biblioteca Scolastica dell'Istituto Comprensivo Perugia 12, innovazione e ricordo

Immagine
L'Istituto Comprensivo Perugia 12 e la sua Biblioteca: voglio scrivere questo articolo e mi concentro, come un'alunna davanti al foglio bianco. La prima cosa a cui penso è - ovviamente - il prestigioso decimo posto nella graduatoria nazionale del bando per l'azione #24 del PNSD. Mi viene in mente l'importanza del progetto e una "to-do-list" che si allunga ogni giorno.  Del progetto abbiamo già avuto modo di scrivere, sia noi che altri (chi avesse piacere di farlo, può leggere a questo link l'ampio articolo dedicato al nostro progetto sul blog dell'Agenda digitale dell'Umbria, mentre qui è disponibile la brochure illustrativa). Con il finanziamento del MIUR stiamo attuando il recupero della nostra Biblioteca attraverso il digitale, che concretamente significa una nuova catalogazione con la creazione di un OPAC (On-line Public Access Catalogue, ovvero catalogo in rete ad accesso pubblico) l'attivazione del digital lending (il prestito di contenu…

Curricolo digitale d'istituto, parte la formazione dell'USR Umbria

Immagine
Dopo la sperimentazione partita nel 2014 nell'ottobre scorso, colDM 742/2017, il MIUR ha reso ufficiale l'obbligo di certificazione delle competenze degli alunni in uscita dal primo ciclo di istruzione e diffuso il modello nazionale di certificato. Insieme a quello delle altre, dovrà essere indicato anche il livello delle competenze digitali raggiunto dagli alunni. Si pone dunque per le scuole il problema di costruire un curricolo digitale specifico che, nel caso del nostro Istituto, andrà ad integrare quello verticale formalizzato all’inizio dell’anno scolastico. Del resto l’indicazione era già stata data nel PNSD (azione #15).
L’Ufficio Scolastico Regionale per l'Umbria ha prontamente risposto alle esigenze delle scuole della Regione e ha proposto un percorso di formazione per supportare gli istituti nella costruzione di questi curricoli. Il progetto, dal titolo “Curricolo Digitale nel primo ciclo”, è curato dalla dott.ssa Antonella Gambacorta e al prof. Mattioli Mattio…

Dalla parte dei lettori: #imiei10libri

Immagine
Nei giorni scorsi il MIUR ha inviato anche alla nostra scuola il fondo premio per l’acquisto dei titoli vincitori del concorso #imiei10libri svoltosi all’inizio del passato anno scolastico.
Il contest, bandito nel giugno 2016 in funzione dell’azione #24 del Piano Nazionale Scuola Digitale (“Biblioteche Scolastiche come ambienti di alfabetizzazione all'uso delle risorse informative digitali”), richiedeva alle classi partecipanti di votare i dieci libri che avrebbero voluto trovare nella propria biblioteca scolastica, inserendone i titoli in un apposito portale; gli alunni di primaria potevano indicare titoli di letteratura per l’infanzia italiana ed europea senza limiti temporali, mentre per quelli delle scuole secondarie era d’obbligo scegliere i propri preferiti tra i volumi editi dopo il 2000. Con i dati ricevuti il MIUR ha stilato le classifiche dei 10 libri più amati dagli studenti italiani, una per ciascun ordine di scuola e, in premio, ha inviato alle istituzioni partecipant…